Videosorveglianza, lo sguardo silenzioso della sicurezza

La parte più difficile proporre un buon sistema di videosorveglianza è trovare le telecamere appropriate per le vostre esigenze specifiche.Che cosa rende una telecamera diversa da un altra? Quale tipo di telecamera è migliore per un negozio? Per una case? Alro »

Il confort nella movimentazione di porte e cancelli

Chi esce volentieri dalla propria auto quando infuria una tempesta o nel bel mezzo della notte solo per aprire il garage? Con le nostre Soluzioni avrete sempre modo di aprire il vostro portone del garage o il cancello del cortile in modo veloce, comodo e sicuro, rimanendo sempre protetti da situazioni del genere. Alro »

Soluzioni per rilevazioni incendi

Proteggere i vostri beni è un vostro diritto, per questo la nostra azienda vi mette a disposizioni consulenze gratuite per una valutazione concreta dei rischi, contattaci senza impegno, abbiamo sicuramente la soluzione a misura delle tue esigenze e di ciò che ti sta a cuore. Alro »

Eleganza anche nella COPIA dei vostri Radiocomandi.

Jane è il nuovo modo di concepire il radiocomando, abbellendo la personalità di chi lo compra con un tocco frizzante e leggero, come dovrebbe essere presa la vita. Alro »

LED Tech

Il design e l’estetica permette di usufruire dei benefici derivanti nel fare uso dei LED senza alterare l’ambiente e la magia generata delle lampade ad incandescenza. A parità di luce emessa, le lampade consumano dal 50% al 85% di energia in meno ed hanno una durata di 20 volte superiore alla classica incandescenza. Alro »

Trasforma il tuo citofono in GSM

Trasforma Il tuo citofono in un citofono GSM senza limiti di portata, ora si può avere un impianto citofonico multifamiliare dove prima era impossibile o troppo oneroso. Grazie alla tecnologia GSM non si devono più collegare alcun apparecchio interno perché rispondi semplicemente con il telefono, sia dal fisso che dal cellulare. Alro »

Tag Archives: società di riscossione

La società di riscossione che chiede di sapere le somme dovute al debitore non viola la privacy

eq

Non viola la privacy la società di riscossione che per effettuare il pignoramento presso terzi chiede ai clienti del contribuente moroso una dichiarazione delle somme a lui dovute. Ad affermarlo è la Corte di cassazione con la sentenza 17203 depositata l’11 luglio 2013. Una società di riscossione, poi confluita in Equitalia, nel 2003 ha chiesto a tutti i clienti di un consulente del lavoro moroso la compilazione di un questionario, con valore di dichiarazione stragiudiziale, per conoscere l’esistenza di somme dovute al professionista. 

Il tutto è stato effettuato per eseguire un pignoramento presso terzi per il soddisfacimento del credito erariale. A seguito del questionario, secondo quanto asserito dal consulente, molti clienti hanno preferito definire il rapporto rivolgendosi altrove, per cui il professionista ha convenuto in giudizio il concessionario per la riscossione e l’autorità garante chiedendo il risarcimento dei danni.

Il Tribunale ha rigettato la domanda sostenendo che le norme consentono l’uso di dati personali nello svolgimento di funzioni istituzionali per la riscossione dei tributi. Il diritto di riservatezza non poteva ritenersi leso da una richiesta di dichiarazione stragiudiziale. Contro questa pronuncia il contribuente ha fatto ricorso in Cassazione, ma la Suprema corte ha respinto il tutto fornendo chiarimenti sulla tutela della privacy in materia di tributi.

In primo luogo ha affrontato la questione del trattamento dei dati personali da parte di soggetti pubblici, disciplinata dalla legge 675/1996 (successivamente Dlgs 196/2003). La comunicazione e la diffusione di queste informazioni, da parte di soggetti pubblici a privati o ad altri enti pubblici, sono ammesse solo se previste da leggi o regolamenti. La disciplina può essere adottata anche quando è diretta all’applicazione delle disposizioni in materia di tributi, in relazione ai contribuenti.

Secondo la Cassazione si deve concludere che, poiché il pignoramento presso terzi è una forma di esecuzione forzata prevista dall’ordinamento, il creditore procedente, nel caso Equitalia, agisce sulla base di una legge e quindi non viola la privacy.

Inoltre, l’articolo 75-bis del Dpr 602/1973, che disciplina la dichiarazione stragiudiziale del terzo ai fini della riscossione, prevede che il concessionario, prima di procedere con azioni esecutive, possa chiedere a soggetti debitori del contribuente di indicare per iscritto le somme da loro dovute. Il comma 3 precisa infatti  che gli agenti della riscossione possono procedere al trattamento dei dati acquisiti senza informare il diretto interessato, in deroga quindi al Dlgs 196/2003.

 

Fonte: il sole 24 ore

[hupso]